Roberto Camorali

Home Su

 

Correva l'anno 1977 e in luglio stavo terminando il servizio militare. Nel corso della licenza ordinaria ebbi occasione di rovistare in Puliscibinari vari.jpg (244322 byte)solaio e, con non poco stupore, ritrovai il trenino Marklin che mi fu regalato vent'anni prima, e gelosamente conservato da mio padre in un vecchio armadio. La curiosità mi spinse ad aprire le scatole, a toccare con mano quegli splendidi oggetti, e la voglia di testarne il funzionamento fu immediata. E, una volta accertato che il test diede esito positivo, la folgorazione fu inevitabile, e, inVista dall'alto puliscibinari.jpg (116312 byte) un crescendo rossiniano peno di suoni e di fantasmagorici colori, l'innamoramento tuttora persiste, passato attraverso frequentazioni di innumerevoli Borse-Scambio in Italia e all'estero, mostre di modellismo, ricerche nei mercatini, fino a quella droga che è il web, dove c'è di tutto e ovviamente il Marklin non poteva mancare, compreso eBay, sirena tentatrice alla quale non si può dire di no.
Oggi mi sento, dopo tanti anni, più collezionista che modellista, anche se le origini modellistiche Banco lavoro.jpg (205535 byte)(aerei in scala 1/72) mi hanno aiutato non poco nella manualità. Purtroppo per ragioni di spazio mi devo limitare a un piccolo plastico di 2 x 1 (il misconosciuto Toporama Marklin) che utilizzo per prove e collaudi, oltre che per divertirmi. 
Ma le bacheche sono ben fornite, dalla serie 800 ai vagoni in pressofusione, dalla serie 3000 pregiata alle vetture in lamierino litografato, fino ad alcuni digital. E proprio tramite il sito Marklinfan hoPuliscibinari ROCO.jpg (189222 byte) iniziato a coltivare l'idea dei modelli italiani non Marklin in corrente alternata (quelli Marklin li possiedo quasi tutti, salvo alcuni sondermodell), più per un fattore culturale e patriottico che collezionistico, che mi ha tuttavia insegnato ad apprezzare caratteristiche di altre marche che non conoscevo. Ovvio che il primo amore non si scorda mai, e il mito Marklin non mi si scrollerà più di dosso.
Parlando del plastico, precisando che è per ragioni oggettive molto "scolastico", non si può Pocher SNCF.jpg (274812 byte)dimenticare che anche se in alternata, ogni tanto va ripulito dalla polvere. Quale miglior occasione per far circolare alcuni piccoli convogli con carri puliscibinari? Detto fatto, si agganciano i vagoni ad alcune motrici sporcate all'uopo (erano rovinate e la tecnica del plastimodellismo si è rivelata preziosa)  e via, in una corsa manutentiva utile e gradevole. Poi ilPocher con vagoni Fleischmann.jpg (285612 byte) famoso Pocher in alternata CC7107 (codice 801/3) non poteva mancare, come omaggio al maestro Arnaldo Pocher, che qui vediamo al traino dei contemporanei vagoni italiani Fleischmann (a proposito fra un pò vedrete una Pierina Fleischmann trasformata in alternata). Ma qualcuno si chiederà: a parte qualche Marklin rovinato e sporcato e una 3000 con le filettature rosse come al vero, cosa si vede della marca da noi tutti amata? Vi offrirò un piccolo anticipo, costituito dall' ST 800 verde, dalla confezione per l'Austria 3233 e da un piccolo diorama anni '50 con la stazione 419 e il magazzino 415, unitamente a quattro pensiline 423, purtroppo senza la tabella di percorrenza, 

ST 800 G1.jpg (160617 byte)  ST 800 G2.jpg (203210 byte)   Marklin 3233.jpg (323311 byte)

 
ma da materiale preso su eBay a pochi Euro e leggermente restaurato, non si può pretendere di più. Ma di vintage, settore che prediligo, ne parleremo più approfonditamente in futuro.
So che la qualità delle foto non è eccelsa, ma con una macchina amatoriale da 3,2 Mp non posso far di più (o non riesco?).

Coppia locomotori sporcati.jpg (261419 byte) 415+419.jpg (224289 byte) Diorama 415+419.jpg (150211 byte)

Puliscibinari Pocher.jpg (263147 byte) Pocher + 3000.jpg (220834 byte) Puliscibinari Marklin con 3029.jpg (123539 byte)

 

Conto di poter proseguire questo rapporto virtuale con altre immagini, con esperienze modellistiche diverse ed interessanti, e, perché no, anche con documentazione di altri amici, restii a divulgare ciò che grandioso hanno fatto con quel meraviglioso giocattolo tecnologico che si chiama trenino Marklin.
 

12 gennaio 2006 - alcune nuove immagini - APphoto

tCamorali02632.jpg (143567 byte)  tCamorali02633.jpg (121928 byte)  tCamorali02635.jpg (145045 byte)

tCamorali02620.jpg (93167 byte)  tCamorali02627.jpg (128087 byte)

Nuovi modelli Le triadi Roberto Friends FS Gr.687 Roco ACT 1900 Roco ACT schienenbus Roco ACT Vossloh G2000

 

Please give your comments here:

Se avete commenti potete scrivere su:

 

Precedente Su Successiva